Post

Visualizzazione dei post da Ottobre, 2020

PASTA ALL'AMATRICIANA

Immagine
  La pasta all'amatriciana è un percorso obbligato dei miei viaggi gastronomici per un piatto nazional-popolare, anche se apparentemente facile, questa ricetta offre spesso spunto di punti di vista controversi, ci va la cipolla, come fanno alcuni? E l'aglio? Spesso sento dire bucatini all'amatriciana, allora perché  ad Amatrice la fanno con gli spaghetti? Ecco quindi la ricetta originale: Ingredienti: Per 4 p. 300 g di spaghetti  200 g di guanciale  400 g di pomodori pelati 150 g di pecorino grattuggiato  125 g di vino bianco per sfumare  Sale e pepe q.b. 1 peperoncino Procedimento: Per prima cosa mettere l'acqua sul fuoco per gli spaghetti,  quindi prepariamo gli ingredienti, grattugiamo il pecorino e lo teniamo da parte, adesso prendiamo il guanciale e lo tagliamo a listarelle, adesso in una padella con 1 cucchiaio di olio di oliva,  mettiamo il guanciale e farlo rosolare fino a diventare croccante e lucido, quindi sfumare con mezzo bicchiere di vino bianco, lasciamo

BISCOTTI tetù

Immagine
 I  biscotti tetù fanno parte del cannistro con i biscotti per la festa dei morti, abbiamo già trattato questo argomento storico della tradizione siciliana, comunque chi lo desidera può trovare questo argomento cliccando  Qui  . Non sono in molti a sapere che l'ingrediente segreto per questi biscotti usato dai pasticcieri palermitani altro non è che della pasticceria (per lo più secca) avanzata dai giorni prima, (noi non useremo questo metodo). Ricetta: 100 g di mandorle non pelate e tritate con un mix grossolanamente, 250 g di farina "00" 70 g di zucchero  70 g di strutto o burro 1 uovo 1 cucchiaino di cacao 1/2 cucchiaino di ammoniaca per dolci 1 bustina di vanillina  Latte q.b. (circa 100 g) io in sostituzione ho usato un vasetto da 125 g di yogurt alla frutta. Impastare tutti gli ingredienti e ottenere un panetto ben liscio e compatto non troppo morbido, mettere in un sacchetto per alimenti e fare riposare in frigo per un paio di ore. Riprendere l'impasto e formar