Post

Visualizzazione dei post da Dicembre, 2013

PASTA ALL'AMATRICIANA

Immagine
  La pasta all'amatriciana è un percorso obbligato dei miei viaggi gastronomici per un piatto nazional-popolare, anche se apparentemente facile, questa ricetta offre spesso spunto di punti di vista controversi, ci va la cipolla, come fanno alcuni? E l'aglio? Spesso sento dire bucatini all'amatriciana, allora perché  ad Amatrice la fanno con gli spaghetti? Ecco quindi la ricetta originale: Ingredienti: Per 4 p. 300 g di spaghetti  200 g di guanciale  400 g di pomodori pelati 150 g di pecorino grattuggiato  125 g di vino bianco per sfumare  Sale e pepe q.b. 1 peperoncino Procedimento: Per prima cosa mettere l'acqua sul fuoco per gli spaghetti,  quindi prepariamo gli ingredienti, grattugiamo il pecorino e lo teniamo da parte, adesso prendiamo il guanciale e lo tagliamo a listarelle, adesso in una padella con 1 cucchiaio di olio di oliva,  mettiamo il guanciale e farlo rosolare fino a diventare croccante e lucido, quindi sfumare con mezzo bicchiere di vino bianco, lasciamo

ZUCCHINE GRIGLIATE MARINATE

Immagine
Ingredienti per 6 p. 3 zucchine verdi  3 spicchi di aglio fresco foglie di menta fresca acciughe sott'olio olio di oliva Procedimento: Affettate le zucchine per la lunga di uno spessore di circa 1/2 centimetro, grigliatele sulla piastra per qualche minuto da ogni lato, fate in modo che risultino mezze cotte e mezze crude (questo particolare risulterà importante per la croccantezza). Adesso in un vassoio da antipasti fate uno strato di zucchine aggiungete dell'aglio tritato molto piccolo, dei pezzetti di acciuga su ogni fetta e delle foglie di menta, continuate con altri strati fino a completare il vassoio, aggiungete dell'olio di oliva e lasciate marinare almeno 1 giorno prima di consumarle.

LINGUINE AL PESTO PANTESCO.....ammogghiu

Immagine
Il pesto pantesco è un condimento che esprime al massimo i colori e i profumi della terra di Pantelleria. Conosco praticamente da sempre questa ricetta anche se nella zona del palermitano era chiamata "a tutto crudo", in effetti credo che la parola pesto pantesco sia erroneamente usato da chi vuole in qualche modo distinguerlo