Post

Visualizzazione dei post da Febbraio, 2017

PASTA ALL'AMATRICIANA

Immagine
  La pasta all'amatriciana è un percorso obbligato dei miei viaggi gastronomici per un piatto nazional-popolare, anche se apparentemente facile, questa ricetta offre spesso spunto di punti di vista controversi, ci va la cipolla, come fanno alcuni? E l'aglio? Spesso sento dire bucatini all'amatriciana, allora perché  ad Amatrice la fanno con gli spaghetti? Ecco quindi la ricetta originale: Ingredienti: Per 4 p. 300 g di spaghetti  200 g di guanciale  400 g di pomodori pelati 150 g di pecorino grattuggiato  125 g di vino bianco per sfumare  Sale e pepe q.b. 1 peperoncino Procedimento: Per prima cosa mettere l'acqua sul fuoco per gli spaghetti,  quindi prepariamo gli ingredienti, grattugiamo il pecorino e lo teniamo da parte, adesso prendiamo il guanciale e lo tagliamo a listarelle, adesso in una padella con 1 cucchiaio di olio di oliva,  mettiamo il guanciale e farlo rosolare fino a diventare croccante e lucido, quindi sfumare con mezzo bicchiere di vino bianco, lasciamo

Lo Spiedino palermitano

Immagine
Nella Rosticceria da banco  troviamo lo spiedino fritto, una specialità della gastronomia siciliana tipica di Palermo annoverato tra i cibi da strada.

SFINCIONE SICILIANO All'antica

Immagine
Questa probabilmente è una delle ricette più antiche che abbiamo ereditato in Sicilia, risale al tempo degli arabi e chiamavano questo impasto ( "sfang' " per indicare una frittella addolcita con il miele) poi spongia ( sicilianizzato in spincia e da qui spinciuni) la parola stessa evoca qualcosa di molto soffice, quasi come una spugna, sicuramente ci sono stati molti cambiamenti nell'arco dei secoli, oggi per esempio non  sono in molti ad utilizzare ancora questo metodo (per comodità, pensate quelli che giornalmente fanno dai 10 ai 15 chili di sfincione) che va necesariamente sbattuto a mano per almeno 15 minuti, più famoso e rinomato è lo sfincione di Bagheria dove ancora alcuni lo fanno all'antica. Avevo già pubblicato una ricetta di sfincione  con il metodo moderno e quindi con l'uso della planetaria, certamente è meno faticoso, ma se vogliamo ottenere un risultato che da il senso originale del nome allora dobbiamo usare la ricetta ant