IL VINO MARSALA D.O.C.

Il Marsala è un vino liquoroso, seguendo un processo di travasi, durante la fermentazione che favoriscono l'ossidazione del vino. Soltanto alla fine della fermentazione si procede con l'aggiunta di acquavite di vino al fine di elevarne il potenziale alcolico. La storia di questo grande vino nasce durante la seconda  metà del XVIII secolo, proprio in quel periodo nella provincia di Trapani veniva prodotto un vino dalle doti particolari, con un metodo di invecchiamento davvero unico in tutto il mediterraneo, denominato "In Perpetuum",
 consisteva nel rabboccare le botti che contenevano una parte del vino consumato durante l'anno, con il vino di nuova produzione, in tal maniera ne conservava tutte le caratteristiche. Il mediterraneo a quel tempo abbondantemente trafficato di navi Inglesi, Spagnole e Francesi portò cosi all'incontro fortuito di grandi uomini d'affari, che si dimostrò in seguito provvidenziale, grazie all'intuito di menti brillanti, alla nascita del Marsala. Il protagonista di questa vicenda si chiamava  Johon Woodhouse, mercante, proveniente da Liverpool, grande uomo d'affari impegnato nel commercio delle ceneri di soda. Nel 1773 navigava lungo le coste siciliane alla volta di Mazara del Vallo, ma a causa di una tempesta fu costretto a fermarsi nel porto di Marsala, accolto dalla gente del luogo pacificamente, gli fu offerto in un osteria il vino migliore riservato per le grandi occasioni, appunto il "Perpetuum", Woodhouse capì subito che quello era un vino eccezionale e realizzò di esportare in Inghilterra il prezioso nettare, aggiunse al Perpetuum un po di acquavite per evitare che si alterasse durante il trasporto e ne inviò 50 pipe. Quell'innesto cosi casuale fece la fortuna di Woodhouse, che cominciò ad investire e costruire nuovi stabilimenti per dare vita al vino Marsala. Successivamente altri imprenditori Inglesi vollero prendere parte alla produzione del Marsala e nel 1812 tale Benjamin Ingham assieme al nipote Joseph Whitaker si prodigarono all'ammodernamento delle tecniche di produzione e dell'ampliamento delle esportazioni anche fuori dall'Europa.  Nel 1830 circa un'altro grande imprenditore, questa volta Siciliano, si inserì nella produzione del Marsala e con la loro flotta navale esportarono questo vino in ogni parte del mondo, il suo nome era Vincenzo Florio. Successivamente la famiglia Florio acquistò lo stabilimento di Woodhouse e con le loro "Cantine Florio" divennero cosi i primi produttori.Il vino Marsala è stato il primo vino D.O.C. della storia vinicola Italiana, questo riconoscimento arrivò nel 1969, mentre nel 1963 al fine di tutelarne la produzione, fu data vita al Consorzio del vino Marsala, ad iniziativa dei produttori e riconosciuto nel 2003 dal ministero delle politiche agricole. Del vino Marsala esistono diverse tipologie distinte in due categorie:  Il Marsala Vergine, con invecchiamento di almeno 5 anni , e il Marsala Vergine Riserva con invecchiamento di almeno 10 anni. La seconda categoria è Il Marsala Conciato che si distingue in Marsala fine con 1 anno minimo di invecchiamento, il Marsala Superiore, con 2 anni di invecchiamento e il Marsala Superiore Riserva con almeno 4 anni di invecchiamento.
Licenza Creative Commons
Quest' opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Unported.

Commenti

  1. Alcuni dei Florio ho comprato a Marsala, sono buonissime.

    RispondiElimina
  2. Molto buono, sono d'accordo con te...ciao

    RispondiElimina
  3. Che bel post, interessante ed esauriente! L'ho tanto apprezzato davvero, Francesco! Grazie! :) Un abbraccio e buongiorno! :D

    RispondiElimina
  4. Ma che bello leggere le "storie di casa nostra" Francesco,il Marsala è davvero molto buono e grazie per descrivere così bene i nostri prodotti! alla prossima Ciao da Ketty V. di zagaraecedro.blogspot.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ketty tu sai quanta è importante per me far conoscere tutte le cose buone che sappiamo fare in Sicilia e per la verità non c'è niente di meglio che una bella fetta di cassata e un bicchiere di marsala..

      Elimina
  5. Lo conosco bene, ho visitato anche le loro cantine qualche anno fa...buonissimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una bella esperienza, ci sono persino dei musei da visitare....ciao Rosalba..

      Elimina
  6. Marsala is very delicious. Thank you for the interesting post. I enjoyed reading it. Blessings, Catherine

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Catherine sei sempre molto gentile, un abbraccio... a presto

      Elimina
  7. Interessante il tuo blog, complimenti.
    Mi hai fatto tornare in mente la mamma di un mio caro amico che, quando eravamo piccoli 10-12 anni e andavamo a giocare a casa sua, ci dava sempre un bicchierino di Marsala. Siamo cresciuti ugualmente e non siamo alcolizzati eheheheeheh quindi vuol dire che il Marsala non farà bene ma neanche male, ne siamo la prova!!
    Anche io ho un blog, veramente ne ho tre uno di canzoni che scrivo, musico e canto io, uno di favole filastrocche,racconti, (alcune le scrivo io) e un'ultimo di trucchi e segreti per vivere meglio.Se vuoi visitarli e iscriverti io farò lo stesso con te.
    Ciao!!!!

    RispondiElimina
  8. Ciao Alessio grazie per gli apprezzamenti, spero che continui a seguirmi... a presto

    RispondiElimina
  9. Ciao Francesco,ripasso da te per comunicarti che avrei un pensierino da donarti,non so se lo condividerai,fai tu a me fa piacere donartelo! saluti zagaraecedro.blogspot.com

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

FLORA E FAUNA MARINA del MEDITERRANEO

LINGUINE CON TOTANI e pomodorini Pachino

La piccola Baia di S.ELIA

Pasta con le sarde "Gustosa" alla Trapanese

SARTU' di RISO

Suggerimenti Utili