PASTA CON I TENERUMI

versione originale
La pasta con i tenerumi è un piatto tradizionale della gastronomia siciliana. Paradossalmente, nonostante la calura estiva nella sua versione originale si presenta come una minestra e d'altra parte i tenerumi che non sono classificati tra le verdure convenzionali ci sono soltanto nel periodo che va da giugno a settembre.
Ebbene si i tenerumi non sono una verdura vera e propria ma sono le foglie di una qualità di zucchine lunghe, che evidentemente in tempi di estrema povertà qualche abile massaia ha provato a cucinare ottenendo cosi un piatto davvero squisito ed è entrato a far parte dei piatti più famosi della gastronomia siciliana. La pasta con i tenerumi è una minestra dai forti sapori estivi, chi li ha provati difficilmente ha saputo resistere alla tentazione di fare almeno un bis. Esiste anche una seconda versione di pasta con i tenerumi anche se non ufficializzata, si tratta di una pastasciutta di spaghetti con i tenerumi che poi vedremo...

 tenerumi

 zucchina dei tenerumi



Ricetta di pasta con i tenerumi versione originale:

Ingredienti per 6 p.

1,5 kg. di tenerumi
3 spicchi d'aglio
4/5 pomodori freschi
peperoncino
olio d'oliva
spaghetti

Procedimento:

Pulire i tenerumi di cui terremo soltanto le foglie (tutto il resto va buttato via), metterli in una vasca d'acqua e sciacquare un paio di volte,  tagliamoli a pezzi piccoli e mettiamoli in una pentola con acqua sufficiente dove cuocere anche la pasta (più o meno a tre quarti dal bordo), far cuocere con coperchio finchè i tenerumi diventano teneri ma al dente. Nel frattempo salate l'acqua dei tenerumi cominciate con mezzo cucchiaio a limite lo aggiusterete dopo, prendete 300 g. di spaghetti e spezzateli dalla lunghezza di circa 3 cm., versateli nella pentola con i tenerumi e lasciate cuocere (adesso senza coperchio). Prendete un padellino e con 4 cucchiai di olio d'oliva fate rosolare i 3 spicchi d'aglio tagliati piccoli e il peperoncino, (a chi non piace il peperoncino può aggiungere alla fine un pizzico di pepe nero), grattugiate i pomodori in un piatto e quando l'aglio è ben rosolato versate d'un sol colpo il pomodoro nella padella (questo si chiama pic-pac ed è molto usato in molte ricette siciliane), lasciate cuocere, ricontrollate se la pasta va bene di sale ed eventualmente aggiustate, quando la pasta è cotta versate il pic-pac nella pentola della pasta fate cuocere ancora 1 minuto ed è pronta, servite su piatti fondi mettete prima pasta e condimento e dopo un mestolo di brodo, servite ben caldi e.....buon appetito.


2° versione : pastasciutta con i tenerumi


Gli ingredienti sono gli stessi, la variante consiste nel mettere gli spaghetti interi senza spezzarli, quando saranno cotti scolare la pasta e i tenerumi e versarli nella padella con il pic-pac, farli saltare 5 minuti, aggiungere del pecorino siciliano e servire ben caldi.

Commenti

  1. Questo si che è tempismo perfetto, proprio ieri dicevo, mentre mangiavo la pasta con i tennerumi, ma è tanto che non la faccio scolata, fatto... ciao Angelo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti anche a me piace la versione asciutta e spolverata di pecorino grattugiato...ciao Angelo

      Elimina
  2. belle queste ricette della tradizione, dove non si buttava via niente, particolare e da provare, a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero quello che dici, non a caso nei ricordi dell'infanzia risaltano per primi odori e sapori...ciao.....

      Elimina
  3. E' il mio piatto preferito ma ci aggiungo anche le patate a tocchetti nell'acqua di cottura della pasta e tanto basilico insieme al pomodoro.

    Che sudate a mangiarla...ma ne vale la pena.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quante volte l'ho mangiata soffrendo...quasi con le lacrime, ma il desiderio di mangiarla è sempre più forte del caldo....ciao MariaBianca

      Elimina
  4. saranno buoni i tenerumi ma qui a Trieste...sconosciuti se li chiedo mi passano per matta...ciaooo buona settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Edvige, sono sicuro che in qualche angolo di Trieste un ortolano siciliano lo potresti anche trovare, ma a dire il vero esiste un'altra verdura che da noi chiamiamo borragine ed è molto simile ai tenerumi prova a vedere se li trovi.....

      Elimina
  5. Bellissime le tue versioni sia in brodo che asciutta!!!
    Io ne ho fatta una terza versione (di mia fantasia)la posto domani.
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non mi sbaglio avevi già postato qualcosa sui tenerumi in cui avevo anche commentato, ad ogni modo sono profumati e di un sapore molto piacevole, aspetterò di vedere la tua nuova versione....ciao

      Elimina
  6. Ciao Franco, buonissima questa minestra!
    Ma i tenerumi e i talli sono la stessa cosa?

    RispondiElimina
  7. Si credo di si, da qualche parte (non in Sicilia) li ho sentiti chiamare cosi oppure teneroni...ciao Stella

    RispondiElimina
  8. Che spettacolo!!!!adoro questa pasta...complimenti Franco!!!

    RispondiElimina
  9. Grazie cara, ormai conosci molte cose della Sicilia, frutto dei tuoi viaggi e immagino che l'avrai provata in loco...

    RispondiElimina
  10. Penso che è molto gustoso e guarda bene!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

FLORA E FAUNA MARINA del MEDITERRANEO

LINGUINE CON TOTANI e pomodorini Pachino

La piccola Baia di S.ELIA

Pasta con le sarde "Gustosa" alla Trapanese

SARTU' di RISO

Suggerimenti Utili