LA NASCITA DEL BAROCCO IN SICILIA

Fontana Pretoria (PA) foto di Laura Verga
L'accostamento al Barocco da parte della Sicilia è stata nei tempi in ritardo rispetto alle altre regioni d'Italia, questo principalmente dovuto alle caratteristiche storico-ambientali, che erano condizionate da preesistenti tradizioni dovute a millenni di storia e di colonizzazioni. Il lento ma progressivo linguaggio Rinascimentale era più evidente nella pittura e nella scultura piuttosto che nell'architettura, come nell'esempio della fontana Pretoria a Palermo del 1554 opera del Camilliani
. Uno dei primi esempi dell'architettura Barocca si ha con la costruzione dei quattro canti a Palermo realizzata da Giulio Lasso e Mariano Smiriglio tra il 1609-1620 . Di fatto, il Barocco deve la sua definitiva introduzione ufficiale in Sicilia al modenese Camillo Guarino Guarini, che realizzò la chiesa della Santissima Annunziata e la chiesa di San Filippo Neri a Messina tra il 1660 e il 1662.
Nella seconda metà del XVII secolo si affermano altri grandi progettisti come Paolo Amato che realizzò la chiesa del Santissimo Salvatore a Palermo iniziata nel 1682, e Giacomo Amato, autore del prezioso gioiello Barocco la chiesa di Santa Teresa alla Kalsa sempre a Palermo. Nel 1730 con l'arrivo di Giovan Battista Vaccarini, adottando una amalgama personale delle idee del Bernini (Gian Lorenzo Bernini Napoli 1598- Roma 1680  architetto, scultore e pittore Italiano) e del Borromini (vero nome Francesco Castelli, Bissone 1599- Roma 1667, architetto Svizzero-Italiano tra i maggiori esponenti dell'architettura Barocca), introdusse nell'isola forti personalizzazioni. Il Barocco Siciliano cominciò a distaccarsi pian piano dallo stile Barocco definitosi a Roma, guadagnando un'individualità sempre più forte, questo dovuto anche al fatto che nuove generazioni di architetti Siciliani emergevano con grande esuberanza e creatività, personaggi come Andrea Palma e  Rosario Gagliardi, che alla fine risultarono essere i principali artefici del tardo Barocco Siciliano, adottando i loro progetti  ai bisogni e tradizioni locali. Talvolta ritenuti follemente creativi, per l'eccessivo uso di decorazioni, guadagnando sicurezza competenza e statura , al di la di ogni critica, cominciarono a usarsi enormi quantità di marmi intarsiati e un ampia varietà di colori, comunque sia questo stile rappresenta una manifestazione di esuberanza Siciliana e va classificata tra le più importanti e originali creazioni di arte Barocca in Sicilia.

pagine correlate:Il Tardo Barocco Siciliano
                         Espansione del Barocco in Sicilia


  .


Licenza Creative Commons
Questo opera è distribuito con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Unported.

Commenti

Post popolari in questo blog

FLORA E FAUNA MARINA del MEDITERRANEO

LINGUINE CON TOTANI e pomodorini Pachino

PASTA CON LE PATELLE

SAN VITO LO CAPO Beach

RICCIOLA ALL'ACQUA PAZZA