ARANCINE SICILIANE


Tra le ricette gastronomiche più esportate nel  mondo abbiamo le famose arancine Siciliane, qui di seguito vi svelerò il segreto della vera arancina Siciliana. Nella ricetta si fa riferimento più espressamente alla ricetta ufficiale delle arancine con ragù di carne,  esiste anche una versione molto famosa (sopratutto a Palermo) di Arancine Al Burro .
Un'altra versione più antica sono le arancinette al cioccolato, la dimensione ideale è circa la metà di una arancina normale, il ripieno è un cucchiaino di cioccolato fondente sbriciolato a scagliette, una volta fritte e sgocciolate vanno girate in una ciotola di zucchero semolato e servite tiepide sarà la gioia dei vostri bambini!.La tradizione vuole ed effettivamente fino a qualche anno fa era ancora cosi che le arancine venissero consumate principalmente il giorno di S.Lucia perchè in quel giorno in onore della Santa non veniva consumato nè pane nè pasta, quindi in alternativa potevamo mangiare le arancine a pranzo e cena e la "cuccìa" a colazione fatta con grano, cioccolato zuccata dolce ed altri ingredienti, la sua preparazione era molto elaborata e richiedeva almeno 3 giorni, ma difficilmente un Palermitano potrà mai dimenticare la bontà di questo dolce. Ricordo quand'ero bambino si diceva se mangi il pane ò la pasta il giorno di S.Lucia diventi cieco e tutti per paura  non consumavamo neanche una briciola di pane  di pasta neanche a parlarne. Oggi non è più così anche se in occasione di S.Lucia molti Palermitani ne approfittano per preparare delle arancine e qualcuno ancora sà come si prepara la cuccìa.

RICETTA ARANCINE SICILIANE CON CARNE:   (circa 30 arancine)
1kg.di riso per risotti e timballi- 2,5 lt. Di brodo vegetale oppure aggiungete 4 dadi su 2,5 lt di acqua, 50 gr. di burro- 2 bustine di zafferano-
  
Ricetta base per Ragù di carne:

  800 gr. circa di carne di manzo macinata- 250 gr. di piselli surgelati (a piacere)
200 g. di salsina doppio concentrato di pomodoro
 100 gr. misto trito per soffritto (cipolla carote e sedano)
 aromi insaporito per carne
 foglie di alloro
sale e pepe q.b.

*(Potete sostituire i dadi per la cottura del riso direttamente con 2,5 lt. di brodo di pollo-sedano e carote filtrato)
 *(Potete sostituire i dadi per insaporire il ragù con un insaporitore naturale per carni preparato con aromi in polvere di salvia, rosmarino etc.

 Procedimento per il ragù di carne:  rosolate il misto per soffritto con 1 cucchiaio di strutto oppure burro, aggiungere la macinata di carne, girare spesso  aggiungere mezzo bicchiere di vino rosso, e fare evaporare, aggiungere i dadi sbriciolati mescolare e aggiungere la salsina di pomodoro, amalgamare il tutto bene quindi aggiungere i piselli, mescolare per 2 minuti e aggiungere un bicchiere di acqua e le foglie di alloro (circa 6), mescolare bene e fate cuocere per 1 ora mescolando spesso, alla fine il ragù dovrà risultare piuttosto asciutto. Consiglio utile: cucinate il ragù la sera prima e conservate in frigo.
Procedimento per la cottura del riso: portate ad ebollizione 2,5 lt. di acqua e mettere i 4 dadi, aggiungere il riso e mescolando spesso portate a metà cottura, aggiungere quindi il burro e quando sarà sciolto aggiungere le 2 bustine di zafferano, mescolando spesso dal fondo verso l'alto, il riso dovrà cuocere senza alcuna aggiunta di acqua, quando il riso è cotto spianatelo su un tavolo e lasciare raffreddare completamente. Un'altro metodo per cucinare il riso è mettere i dadi il burro e lo zafferano (consiglio di aggiungere 6/8 foglie di alloro) quando l'acqua raggiunge il bollore mettere il riso dargli una leggera girata e quando riprende il bollore fate cuocere a fiamma dolce senza mescolare fino a che si asciuga tutto il liquido, quindi controllare la cottura e dare una girata, vedrete che il riso non si attaccherà.
Preparare una lega di acqua e farina:  su 250 gr. di farina aggiungiamo sempre mescolando con un frustino dell'acqua (circa 500 g.) fino a quando otteremo un composto non troppo denso nè troppo liquido.
Adesso procediamo alla confezione delle arancine:  prendere un pugno di riso (circa 100 Gr. ) e spalmarlo sulla mano, quindi mettere 1 cucchiaio (circa 50 Gr. ) di ragù al centro e con un altro pugnetto di riso creiamo un tappo e chiudere bene la palla di riso che dovrà risultare quanto una palla da biliardo (circa 180 g.). Adesso passiamo questa nella lega di acqua e farina e stringendo bene roteando con le due mani e a questo punto la mettiamo nella ciotola con il pangrattato (che abbiamo precedentemente preparato circa 1 kg. di pangrattato) e lo rigiriamo facendo aderire e stringendo bene l'arancina.
                                                                               
Prepariamoci ora a friggere: In una padella friggitrice (dai bordi alti) ideale sarebbe una friggitrice elettrica, mettere 1 lt di olio di semi (di mais, ò di girasole ò di arachidi che sopportano bene le alte temperature) quando l'olio sarà ben caldo immergere le arancine 4 per volta e girandole spesso lasciate imbiondire da ogni lato,  quando sono pronte metterle a sgocciolare in una retina apposita, servite calde e.............Buon Appetito.

Commenti

  1. Che spettacolo i tuoi arancini! Da fare al più presto!
    A presto e buon pomeriggio
    ciaooo

    RispondiElimina
  2. Ciao Bruna, vedrai che bontà, segui la mia ricetta, è quella originale....

    RispondiElimina
  3. sono davvero meravigliosi i tuoi arancini...le provero' a fare...buon week-end ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lety, grazie per i tuoi apprezzamenti, provale non te ne pentirai, anzi poi fammi sapere... ciao e buon w.e.

      Elimina
  4. Che belle le ricette tradizionali, le arancine al cioccolato devono essere deliziose!
    Grazie della ricetta e buon sabato! Sandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sandra, infatti è proprio cosi...quelle al cioccolato sono di una squisitezza unica...

      Elimina
  5. Io ho le foto ma non mi decido mai a pubblicare la ricetta,mmmmmmmm che goduria le arancine , :-)
    ciao Giovanna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. secondo la nostra tradizione il 13 dicembre è un occasione buona per farlo, magari qualche giorno prima di S.Lucia...ciao carissima

      Elimina
  6. Mi è piaciuta molto questa ricetta della tradizione. Sono certa che i dadi si possano sostituire con un buon brodo perchè io proprio non li amo. Mi piacciano in modo particolare i riferimenti alle usanze che ci riportano a un passato che non ci portava a mangiare carne tutti i giorni :-)

    RispondiElimina
  7. Buonasera! Sto dando un occhiata al suo blog e la prima cosa che ho cercato sono le arancine! Ho consigliato di guardare la ricetta e la preparazione ad un mio amico che tenta sempre di prepararli con scarsi risultati. Credo gli sarà molto utile!

    FRANCESCO

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

FLORA E FAUNA MARINA del MEDITERRANEO

LINGUINE CON TOTANI e pomodorini Pachino

PASTA CON LE PATELLE

SAN VITO LO CAPO Beach

RICCIOLA ALL'ACQUA PAZZA