lunedì 20 aprile 2015

LA CAPONATA DI CARCIOFI NELLA DIETA MEDITERRANEA

Carciofi e Dieta mediterranea
La Caponata di carciofi è una delle tante varianti della più conosciuta caponata di melanzane, a dire il vero credo che quella con i carciofi sia la migliore delle versioni, sia per il sapore ma anche perchè la trovo più genuina in quanto cucinata senza fritture. La ricetta della caponata siciliana che si contraddistingue per la salsa in agrodolce, affonda le sue radici nella tradizione secolare della nostra gastronomia.
Il carciofo è una pianta tipica delle regioni meridionali dalle proprietà benefiche, alcune delle quali utili alla prevenzione e all'invecchiamento, le sue peculiarità terapeutiche trovano un grande utilizzo per risolvere problemi di colesterolo, diabete, ipertensione, sovrappeso, stimolante per il fegato e contribuisce a purificare il sangue, insomma una vera e propria miniera di principi attivi, ricco di fibre con una buona quantità di fosforo, magnesio e ferro, per questa ragione il carciofo che secondo i consigli medici andrebbe consumato quasi giornalmente rientra tra i principali alimenti della dieta mediterranea.

La Caponata di Carciofi


       Ricetta:
4 grossi carciofi (circa 1 kg.)
100 gr. di olive verdi
50 gr. di capperi
2 belle coste di sedano
1 cipolla piccola
500 gr. di salsa di pomodoro
aceto di vino bianco
zucchero, sale q.b.

Procedimento:

Per prima cosa prepariamo i carciofi, quindi eliminare le foglie esterne più dure e tagliare le punte con le spine, tenete anche un po di gambo, adesso tagliate a quarti di 1 centimetro di spessore, metteteli in un recipiente con acqua e il succo di mezzo limone, perchè non anneriscano, nel frattempo portate ad ebollizione dell'acqua salata in una pentola, versate i carciofi e lasciate lessare per 5 minuti, che rimangano al dente, scolateli e tenete da parte. Pulite ora le coste di sedano, eliminando le foglie e i filamenti, tagliate dallo spessore di 2 centimetri e fate lessare in acqua bollente anch'essi al dente, tenete l'acqua d cottura del sedano che potrebbe servire per diluire eventualmente la salsa. Adesso in una padella wok con un giro di olio di oliva fate rosolare la cipolla affettata finemente, aggiungete il sedano le olive denocciolate e tagliate a metà e i capperi,  amalgamate questi ingredienti e aggiungete mezzo bicchiere di aceto (circa 100 cc) e 1 cucchiaio di zucchero, mescolate per bene a fiamma vivace, aggiungete quindi la salsa di pomodoro, aggiustate di sale e del pepe macinato, aggiungete 1 mestolo di acqua di cottura del sedano, portate ad ebollizione abbassate la fiamma a moderata e lasciate insaporire per 5 minuti, quindi aggiungete i carciofi, mescolate bene tutti gli ingredienti e lasciate cuocere per altri 5 minuti, a questo punto la caponata è pronta, versate in un contenitore e lasciate riposare prima di consumare almeno 2/3 ore.

domenica 19 aprile 2015

LA SICILIA IN CUCINA con VERDURA CATALOGNA PICCANTE

LA SICILIA IN CUCINA
Verdure piccanti
Ingredienti:
4 mazzetti di verdura fresca Catalogna
3 sarde dissalate (oppure filetti di acciuga sott'olio)
2 peperoncini piccanti
3 spicchi di aglio
100 g. di olive verdi
olio di oliva

Procedimento:
Dopo aver lavato accuratamente la verdura tagliatela a pezzi grossi, ponetela in una padella wok coprite con il coperchio e lasciate stufare a fiamma media (circa 10/15 minuti). In un altra padella salta pasta fate rosolare con un giro d'olio gli spicchi d'aglio e il peperoncino spezzettati, aggiungete pure due filetti di sarde dissalate e con un cucchiaio di legno pestatele e lasciate insaporire il soffritto, aggiungete quindi le verdure stufate le olive a pezzi i rimanenti filetti di sarde dissalate, aggiungete ancora un filo d'olio di oliva e fate saltare e insaporire il tutto almeno 10 minuti, trasferite le verdure in un piatto da portata e........buon appetito.

giovedì 16 aprile 2015

INFIORATA DI NOTO E LA PRIMAVERA BAROCCA 2015

INFIORATA DI NOTO 15-16 e 17 maggio 2015 
BENVENUTA CATALOGNA - OMAGGIO ALLA SPAGNA

Come di consueto la terza domenica di maggio è dedicata all'infiorata, evento della città di Noto.La manifestazione è nata 26 anni fa dall'incontro di artisti infioratori Genzanesi e Netini. La via Nicolaci è dove nasce l'infiorata, l'impatto è forte , in alto la chiesa di Montevergini che si contrappone al palazzo del principe Nicolaci "villa Dorata" con i balconi che sono stati definiti da molti i più belli del mondo. L'infiorata di Noto è considerata tra le più belle manifestazioni della Sicilia Noto (SR),  la famosa Primavera Barocca e L'infiorata di Noto, caratterizzata anche del corteo barocco. Rievoca un contesto storico-culturale del '700 nicetino, sulla via Nicolaci viene allestito uno spettacolare tappeto ricoperto di petali di fiori, con cui i ragazzi dell'istituto d'arte realizzano dei quadri a tema, usando solo petali di fiori e altro materiale vegetale. Il corteo barocco rappresentato da figuranti  che con costumi dell'epoca quali dame, cavalieri, popolani e vallette sfilano con gli stendardi riproducenti gli stemmi araldici dei casati nobiliari. 

POST PIU' POPOLARI