PASTA ALLA NORMA


La pasta alla norma, pure se semplice e povero come piatto  è tra i più famosi della gastronomia siciliana in tutto il mondo. Gli ingredienti che la compongono rappresentano in tutto il loro splendore la terra di Sicilia, cosi tra sole caldo e terra fertile emergono trionfanti melanzane, pomodori e basilico, rappresentati nel modo migliore proprio in questa ricetta nata nella provincia di Catania. A quanto pare la scelta del nome è da attribuire a Nino Martoglio, scrittore poeta e regista di teatro, un Catanese vissuto sul finire del 1800 che quando assaggiò per la prima volta questa pasta esclamò estasiato: "E' una Norma! " paragonando la bontà e facendo esplicito riferimento all'Opera lirica "La Norma" di Vincenzo Bellini. Bene, ci tengo a precisare che niente può essere paragonato al profumo e al sapore del sugo fresco fatto con pomodori appena raccolti in estate, e lo stesso vale per le melanzane coltivate a cielo aperto appena raccolte tra giugno e agosto, quindi se decidete di realizzare questo piatto in un periodo invernale oppure con prodotti coltivati in serre, difficilmente potrete conoscere e apprezzare il vero sapore e profumo di questo piatto.....

Ingredienti per 4 p.
300 g, di maccheroni (tortiglioni)
2 melanzane
1 mazzetto di basilico fresco
800 g di pomodori da salsa (freschi)
1 spicchio d'aglio
mezza cipolla
olio d'oliva
olio di semi per friggere
100 g. di ricotta salata grattugiata 

Procedimento:              Ricetta base per salsa di pomodoro fresco.
Per prima cosa prepariamo la salsa di pomodoro nel seguente modo: laviamo i pomodori, priviamoli del picio e tagliamoli in 4, man mano li mettiamo in una pentola dove poi andremo a cuocere, finito di fare questa operazione, laviamo metà del basilico, stacchiamo le foglie e mettiamole pure con i pomodori, lo stesso vale per la mezza cipolla affettata grossolanamente, aggiungiamo mezza tazzina da caffè di olio d'oliva,una punta di sale, copriamo con un coperchio e facciamo cuocere a fiamma vivace, dopo qualche minuto giriamo con un cucchiaio di legno per evitare che si attacchi al fondo, eventualmente abbassare leggermente la fiamma, quando i pomodori si sono sfatti (dopo circa 45 minuti) possiamo spegnere e passare questa purea di pomodori con un passapomodoro, non abbiate fretta di buttare la parte più resistente delle bucce perchè sono quelle che contengono tutta la proprietà astringente del pomodoro, quindi ripassatelo più volte, alla fine butterete quasi niente. Adesso prendete una pentola per la salsa e in un filo d'olio d'oliva rosolate lo spicchio di aglio in camicia e schiacciato col palmo della mano insieme a 5 foglie di basilico, quindi eliminate l'aglio e versate la passata di pomodoro, aggiungete ancora una punta di sale e una macinata di pepe nero e fate cuocere a fiamma moderata per altri 45 minuti, vedrete che salsa deliziosa. Nel frattempo che cuoce la salsa pulite le melanzane, ed eliminate solo una striscia di buccia da un capo all'altro, nello stesso senso fate delle fettine di circa 1 centimetro, mettete tutte le fette in uno scolapasta, cospargetele di sale coprite con un panno e lasciate sgocciolare almeno 30 minuti, quindi sciacquate tutte le fette sotto acqua corrente asciugatele bene con un panno e friggetele in abbondate olio di semi, dopodichè mettetele a sgocciolare in una retina. Scoliamo i maccheroni al dente, condiamo con due mestoli di salsa, adesso guarnite i piatti mettendo la pasta, 1 mestolo di salsa, 2 fette di melanzane fritte, 4 foglie di basilico fresco, 1manciata di ricotta salata grattugiata, servite ben caldi e......buon appetito.

Commenti

  1. Caro Francesco, mi pare una bella ricetta, vedo che il piatto si presenta molto appetitoso, non mi resta che dire! Buon appetito.
    Buona domenica caro amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. -----
      Grazie Tomaso ti auguro anche a te una buona domenica e un buon w.e.

      Elimina
  2. Meraviglioso, un classici piatto della cucina siciliana!!! Buon sabatoooo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. -----
      Ciao Mariangela, un buon w.e. anche a te....

      Elimina
  3. Semplice, gustosa, piena di sapore... che stupenda pasta, Franci. Complimenti davvero!! Che golosità!!! Un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ------
      Ely , se ti decidi a venire in Sicilia dovrai provare questa pasta, secondo me non potresti fare più a meno di questi sapori cosi mediterranei....un bacione e buon w.e.

      Elimina
  4. Mamma mia, l'adoro questa pasta!
    E' buonissima!Il suo profumo ti porta direttamente nella tua splendida regione!
    Grazie per la ricetta e buona domenica!

    RispondiElimina
    Risposte

    1. Grazie a te cara, effettivamente sono d'accordo è di un profumo che sa di Sicilia in tutta la sua semplicità....buona domenica

      Elimina
  5. Che gran piatto caro Francesco.
    Buona domenica a te.

    RispondiElimina
  6. Ciao Mariabianca, buona domenica anche te cara amica.....

    RispondiElimina
  7. Questa é della mia città ...buonissima!!! Buona domenica a te Francesco :)

    RispondiElimina
    Risposte

    1. Ogni angolo della Sicilia per me è un angolo di Paradiso.....ciao Rosalba...

      Elimina
  8. mi piace da matti, per me è il miglior piatto siciliano ! Buona domenica.....

    RispondiElimina
    Risposte

    1. Come darti torto, anche per me è uno dei miei preferiti....ciao, buona domenica....

      Elimina
  9. io la faccio spessissimo, qui piace molto :-D però ahimé mi scordo sempre la ricotta salata che sarebbe d'obbligo! meno male che hai messo la ricetta così mi sento tirata le orecchie ;-) buona domenica :-D

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

FLORA E FAUNA MARINA del MEDITERRANEO

LINGUINE CON TOTANI e pomodorini Pachino

La piccola Baia di S.ELIA

TOTANI RIPIENI GRATINATI AL FORNO - (TORARI AMMUTTUNATI)

SARTU' di RISO

Suggerimenti Utili