LE GENOVESI


Le Genovesi sono deliziosi panzerotti di pasta frolla con diverse varietà di ripieno, la più classica è quello con ricotta e gocce di cioccolato, un'altra versione molto comune è la crema pasticcera (crema gialla) poi abbiamo una versione Catanese  che viene semplicemente chiamato panzerotto ed è farcito al cioccolato, la variante più prossima alla genovese è la Maria Stuarda un canestrino di frolla farcito con conserva di cedro ritenuta una vera raffinatezza della pasticceria siciliana ma purtroppo ormai quasi del tutto scomparsa. Le origini delle genovesi ci portano alla bella ed antica Erice,
ma è facile trovarle in quasi tutte le province, sopratutto nel Palermitano. Il nome con cui viene chiamato nella Sicilia occidentale credo sia dovuto essenzialmente agli scambi commerciali, di cui Genova non era nuova a questo tipo di scambi culturali-gastronomici. Nella pasticceria siciliana questo dolce è più un richiamo alla colazione oppure ad un intermezzo pomeridiano, magari accompagnato con un buon bicchiere di moscato o di marsala piuttosto che per arricchire le tavole di festa dove solitamente invece fanno da padroni di casa  Cassata e Cannoli siciliani. Vi posso solo dire che mangiare una genovese calda appena sfornata è la massima esaltazione dei profumi inconfondibili della pasticceria siciliana.
Ricetta della Genovesi
Ingredienti per 12 genovesi (circa)
per la frolla:
350 g. di farina "0"
175 g. di burro
1 uovo
125 g. di zucchero a velo
25 g. di marmellata
1/2 bustina di lievito per dolci
buccia grattugiata di 1 limone
per il ripieno di ricotta:
400 g di ricotta di pecora
50 g di gocce di cioccolato fondente
100 g. di zucchero
1 bustina di vanillina
--
zucchero a velo per guarnitura
Procedimento:
Per impastare con la planetaria si deve prima amalgamare tutti gli ingredienti  la farina per ultimo.
Impastare velocemente e compattare tutti gli ingredienti per la pasta frolla senza nessuna aggiunta di altri liquidi, formare una palla, avvolgerla in pellicola da cucina e riporla in frigo per almeno 4 ore. Nel frattempo prendiamo la ricotta che abbiamo lasciato sgocciolare in uno scolapasta per una notte intera passiamola al setaccio (un modo semplice è con il passapomodoro ) mettiamola in una ciotola capiente e aggiungervi lo zucchero, attenzione la ricotta va lavorata esclusivamente con una spatola, quindi spatolare dal fondo verso l'alto e raschiare la spatola sul bordo della ciotola, ripetete diverse volte questa operazione finchè lo zucchero si è accorpato, (per chi usa una planetaria può incorporare la ricotta con lo zucchero usando il gancio a frusta, in questo modo non sarà necessario passare prima al setaccio) quindi aggiungere le gocce di cioccolato e riporla in frigo. Trascorso il tempo necessario, prendiamo il panetto di pasta frolla e stendiamolo con un mattarello fino allo spessore di circa mezzo centimetro e realizziamo con una tazza da tè (ideale sarebbe un coppapasta) degli stampi tondi , (vedi foto 1) ne dobbiamo ricavare almeno 24 per ottenere 12 genovesi.
foto 1
 Al centro del dischetto di frolla mettiamo un cucchiaio di crema di ricotta  con un altro disco copriamo e con le punta delle dita chiudiamo per bene tutto in giro (vedi foto 2)
foto 2
 Per ottenere la tradizionale forma delle genovesi ci aiuteremo con una rotella per tagliare via le sporgenze, quindi partiamo dal retro e proseguiamo tutto in giro (vedi foto 3 e 4)
foto 3

foto 4
Quello che vediamo nella foto 5 è il risultato finale, prima di essere posto su una teglia foderata con carta da forno e infornata a 170° per 10/15 minuti.

foto 5
Controllare che la pasta frolla si sia asciugata ma che non indurisca troppo, quindi spegnere il forno ed eventualmente lasciare altri 5 minuti  con lo sportello chiuso perchè la frolla si biscotti perfettamente, spolverare con zucchero a velo e consumare preferibilmente ancora caldi.

Commenti

  1. Trooooppo buoni!! Da noi si fanno anche con la crema bianca...ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Rosalba, infatti ci sono una grande varietà di farciture...tutte buone, ciao

      Elimina
  2. devono essere buonissime, non le ho mai mangiate, peccato, buona settimana...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono difficili, provale ti piaceranno...buona settimana anche a te Chiara

      Elimina
  3. Solo per la colazione o per l'intermezzo pomeridiano? E come dolcetto per un dopocena no? Vista l'ora ... Adoro i dolci con la ricotta. Ciao, buona serata.

    RispondiElimina
  4. Non le ho mai mangiate, ma sono proprio fantastiche, il loro aspetto cosi invitante!!! Complimenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie...ma sono davvero semplici, si possono fare anche nel pomeriggio assieme ai bimbi e poi sono davvero buoni...

      Elimina
  5. Ma certo che va bene a tutte le ore...virtualmente te ne offro una dai... un abbraccio ciao Maria Grazia e buona settimana

    RispondiElimina
  6. Devono essere buonissime, per natale cercheró.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Segui la mia ricetta e vedrai che non è difficile, sono davvero buone...ciao

      Elimina
  7. Francesco che delizia! Delle vere bontà! Quanto si impara da te, sei fantastico :) Complimenti e dolce notte!
    p.s. ti ho risposto e ho ricevuto entrambi i tuoi commenti! :D Non so perchè ogni tanto blogger non carica tutti gli interventi su una sola pagina. Scendi in basso, in fondo a tutti i commenti e clicca su 'Carica ancora'. Li vedrai comparire tutti stella! :) Una dolce notte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ely, infatti non capivo cosa era successo, ma ormai ci siamo abituati che ogni tanto fa i capricci...comunque grazie...un forte abbraccio, buona notte anche a te...

      Elimina
  8. Ma che meraviglia hai confezionato,sono talmente ghiotti che ne mangerei uno subito! ottimi davvero,a presto Ketty V.
    Z&C

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Serviti pure.... grazie per i complimenti, ma come si fa a resistere alla pasticceria siciliana? Fino a stamattina ho fatto colazione con la genovese...ciao Ketty

      Elimina
  9. buoni !
    ciao sono Ivana, anch'io ho un blog di cucina e ti seguo ai fornelli.
    http://ivanaincucina.blogspot.com/

    RispondiElimina
  10. mamma mia che delizia mio caro Francesco tu mi tenti,copio la ricetta e la faccio appena possibile,ti faccio sapere :-)

    RispondiElimina
  11. Ciao Giovanna questo è un dolce che conoscerai bene e sono contento che lo vuoi provare a fare...abbi fede è facilissimo e poi naturalmente fammi sapere...

    RispondiElimina
  12. Finalmente ho trovato la ricetta di queste meraviglie!!!! Grazieeeee. Io e Giovanna inseriamo molto volentieri il tuo blog sul nostro blog roll

    RispondiElimina
  13. ohmioddio!! io non le mangio da otto anni, prima le divoravo. Avrei tante volte voluto farle senza glutine, ma mi è sempre stato detto che la frolla non è identica alle classiche frolle, che tende a perdere leggermente la forma, ma le tue sono perfette! mi sa che devo devo provare! grazie per la ricetta, bravissimo! :-D

    RispondiElimina
  14. ... non saprei dirti, la frolla delle genovesi è una frolla normale, certo sarebbe una grande cosa poterla realizzare senza glutine...comunque grazie per i complimenti, ciao a presto

    RispondiElimina
  15. appena ci provo ti faccio sapere, ciao.

    RispondiElimina
  16. Sarebbe davvero un bel traguardo....fammi sapere, ciao

    RispondiElimina
  17. Fra se passi da me le vedi :-))))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ho già visto...spero ti siano venute ottime...ciao

      Elimina
  18. Mi stavo perdendo la tua versione......anch'io le ho postate tempo fa ma impastate con lo strutto.
    Noi siciliani le facciamo buone ma,ahimè...,quelle di Erice sono insuperabili.
    Bravissimo,i miei complimenti.

    RispondiElimina
  19. Che meraviglia...
    mi piace la ricotta, segno la ricetta...

    a presto
    Monica

    (fotocibiamo)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Monica, benvenuta e grazie per gli apprezzamenti...a presto
      P.S. faccio un salto li da te...ciao

      Elimina
  20. ciao nuova iscritta!
    oddio che bontàààààààààààààààààààààà
    sono stata anni fa ad erice....spettacolo!
    li provero' di sicuro!
    se ti va...passa da me :-)

    RispondiElimina
  21. Benvenuta Giusy, Erice è un incanto e anche le sue tradizioni specialmente dolciari ancora ci conquistano..ciao a presto

    RispondiElimina
  22. ciao, domani le metto sul mio blog :-) grazie ancora, ciao :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Invece grazie a te, questa è una vera conquista che sei riuscita a realizzare, ciao Sonia.....

      Elimina
  23. Per noi siciliani e' un dolce da postare assolutamente.....bravo!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

FLORA E FAUNA MARINA del MEDITERRANEO

LINGUINE CON TOTANI e pomodorini Pachino

La piccola Baia di S.ELIA

TOTANI RIPIENI GRATINATI AL FORNO - (TORARI AMMUTTUNATI)

SARTU' di RISO

Suggerimenti Utili