I CARCIOFI COL TAPPO


Quella dei carciofi col tappo, ovvero "i cacocciuli cu tappu" è un antica ricetta siciliana della tradizione contadina. Molto apprezzata in tutta  l'isola, tuttavia ci sono leggere varianti da provincia in provincia. La Sicilia vanta tra le più belle varietà di carciofi e il suo contributo è tradotto in grandi coltivazioni di cui quelli della zona di Cerda (PA),  quelli della Piana di Gela e della Piana di Catania, la zona di  Ramacca (CT) e Niscemi (CL) che sono i maggiori produttori in Italia.

Ricetta dei carciofi col tappo
Ingredienti:
6 carciofi spinosi
1 limone
100 g. caciocavallo Ragusano D.O.P.
200 g. Pangrattato
70 g. pecorino grattugiato
sale, pepe q.b.
olio d'oliva
1 uovo
farina
passolini e pinoli (prodotto tipico siciliano)
cipolla
1 lt. di salsa di pomodoro
mezzo bicchiere di vino rosso
Procedimento:
Pulire i carciofi, eliminando le foglie più dure, accorciare il gambo e tagliare le punte (vedi foto 1 e 2).
foto 1

foto 2
Mettiamo i carciofi cosi preparati in un recipiente di acqua con il limone spremuto, (questo servirà ad eliminare l'amarognolo ed evitare che si anneriscano), nel frattempo prepariamo la salsa di pomodoro, soffriggere mezza cipolla piccola affettata a julienne in un filo d'olio d'oliva, sfumare con mezzo bicchiere di vino rosso e aggiungere i passolini e pinoli, amalgamare per qualche minuto quindi aggiungere la salsa di pomodoro, salare e pepare coprire con un coperchio e lasciare cuocere a fuoco moderato. Prepariamo anche il ripieno, in una ciotola mettiamo il pangrattato, il formaggio grattugiato, sale e pepe (a piacimento), aggiungiamo anche il caciocavallo ragusano tagliato a dadini, mescoliamo il tutto e aggiungiamo anche un filo d'olio d'oliva. Prendiamo i carciofi, facciamoli sgocciolare e prendendoli dal gambo sbattiamoli sul piano da lavoro per far si che le fogli si allarghino, aiutiamoci anche con le dita e cerchiamo di fare lo spazio che possa contenere il ripieno, (alcuni eliminano la parte centrale detta fieno, ma a me dispiace perchè è la parte più tenera e dolce del carciofo, cosi preferisco tenerla integra), adesso con un cucchiaio dobbiamo riempire i carciofi, eseguite con pazienza questa operazione, cercando di far penetrare più a fondo possibile il condimento, schiacciate bene finchè risulta compatto, adesso passate tutti i carciofi dove stiamo creando il tappo nella farina, intanto mettiamo un padellino con un filo d'olio sul fuoco, sbattiamo l'uovo in un piatto, quindi passiamo i carciofi nell'uovo e subito nel padellino, fate rosolare bene, adesso abbiamo fatto il tappo, vedi foto 3.
foto 3



Immergere tutti i carciofi nella salsa di pomodoro col tappo verso l'alto, coprire con coperchio e lasciare cuocere per 30 minuti, servire ben caldi accompagnando con qualche cucchiaiata di salsa e.....buon appetito.


Commenti

  1. Noo.. questi sono la fine del mondo.. Francesco ma che mi fai vedere.. ho già mangiato e mi fai tornar fame! Amo i carciofi e quel dolcino che lasciano in bocca! :D Un abbraccio stella.. questi li mangiavo con un ripieno tutto speciale che faceva mia mamma..! Un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei sempre molto carina, grazie Ely mi fa piacere che tu abbia di questi bei ricordi, sarebbe bello che possiamo tramandarli ai nostri giovani, almeno ci proviamo...ciao un caro abbraccio....

      Elimina
  2. Semplicemente divini.Ottima ricetta, ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Giò,era una ricetta nel cassetto che non tiravo fuori da anni, in realtà i carciofi non sono molto apprezzati come dovrebbero, se immaginiamo che per le proprietà che contengono vengono usati per prevenire malattie e per la dieta...ciao

      Elimina
  3. Mamma mia sono decisamente fantastiche,mia madre ne va matta le spolvererebbe in un lampo,anche a me piacciono parecchio.....alla barba o fieno non si può rinunciare!
    Cari saluti by Zagara & Cedro

    RispondiElimina
  4. Li amo alla follia.
    Caro amico sei stato bravissimo ad averli postati.

    RispondiElimina
  5. Devono essere molto buoni e mi piacerebbe farli ma sarebbero per me sola e allora troppo lavoro...maritozzo non ama i carciofi. Ho mangiato uno dalle tue immagini devo accontentari ma se trovo un altro commensale li faccio ho preso nota della ricetta grazie e buona fine settimana.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

FLORA E FAUNA MARINA del MEDITERRANEO

TOTANI RIPIENI GRATINATI AL FORNO - (TORARI AMMUTTUNATI)

LINGUINE CON TOTANI e pomodorini Pachino