IL DUOMO SAN GIORGIO DI MODICA



La chiesa di San Giorgio di Modica (RG) fu eretta a seguito della cacciata degli arabi dalla Sicilia dal conte Ruggero D'Altavilla intorno al 1090. Nell'arco dei secoli venne più volte ricostruita a causa di disastrosi terremoti, a partire dal 1500 fino al più grave del 1693 che interessò tutta l'area del Val di Noto. Nel 1630 con bolla pontificia di Urbano VIII la chiesa di San Giorgio fu eretta a collegiata, conosciuta da tutti prima come Basilica  e successivamente come il Duomo Di San Giorgio, ma ciò che ammiriamo oggi è il risultato finale della ricostruzione settecentesca, monumento simbolo per eccellenza del Barocco Siciliano.
Il Duomo di San Giorgio di Modica sicuramente rappresenta l'architettura più imponente e scenografica e per questo suggerita da uno dei più grandi e autorevoli storici dell'arte (Maurizio Fagiolo dell'Arco Roma 1939-2002) per  essere inserita tra le sette meraviglie del mondo barocco, comunque sia  la chiesa di San Giorgio che già fa parte di un capitolo di storia dell'arte Barocca è stata riconosciuta ed inserita nella lista mondiale  dei beni dell'Umanità dall'UNESCO. All'esterno i lavori di restauro e successive modifiche si protassero fino  al 1842, in alcuni casi si scelse di demolire alcune parti seppur sane della costruzione secentesca, l'imponente facciata a torre fu arricchita di dettagli e fu innalzato un III° ordine spostando le campane e l'orologio dal II° al III° cosi come previsto dal progetto di Labisi, la cupola si innalza per 36 metri , tutto l'insieme è armonizzato da un giardino pensile su più livelli costeggiato dalla scenografica scalinata composta da 164 gradini, aggiunta dal gesuita Francesco Di Marco. L'interno a 5 navate contiene 22 colonne sormontate da capitelli corinzi, e tra le navate si possono ammirare un grandioso organo di 80 registri e 3000 canne, costruito nel 1885 dal bergamasco Casimiro Allieri, un dipinto dell'Assunta del tardo manierista fiorentino Filippo Paladini (1610). Una pittura secentesca naif su legno di Carlo Cane raffigurante la natività, una tela del seicento raffigurante il martirio di Sant'Ippolito di Cicalesius, una statua marmorea di scuola gaginiana raffigurante la Madonna della neve della bottega palermitana di Mancini e Berrettaro del 1511. Il grandioso polittico dell'altare maggiore composta da ben 10 tavole raffiguranti scene della sacra famiglia e della vita di Gesù, dalla nascita fino alla risurrezione e ascensione, oltre a due riquadri di classiche iconografie  dei due santi cavalieri, San Giorgio che sconfigge il dragone e San Martino che divide il proprio mantello con Gesù, che gli si presenta sotto le vesti di un mendicante. Sull'altare in fondo ad una delle navate di destra poggia l'Arca Santa chiamata "La Santa Cassa" opera in argento intarsiato, costruita a Venezia nel XIV secolo e donata alla chiesa dai conti-mecenati della dinastia dei Chiaramonte. Sul pavimento dinanzi l'altare maggiore nel 1895 il matematico Armando Perini  disegnò una meridiana solare, il raggio di sole che entra dal foro dello gnomone posto in alto sulla destra , a mezzogiorno segna la meridiana il mezzogiorno locale , all'estremo sinistro della meridiana , una lapide del pavimento contiene l'indicazione delle coordinate geografiche della chiesa e della città di Modica.

















Commenti

  1. da modicana doc non posso che ringraziarti. grazie!!
    elisa

    RispondiElimina
  2. Ciao Elisa, che bella che è Modica! Quando scrivo di questi luoghi e di quest'arte per me è emozionante....

    RispondiElimina
  3. Impressionante, penso che il barocco siciliano è unico, dirente nel resto d'Italia, anche se ha delle somiglianze con il napoletano.
    SALUTI.

    RispondiElimina
  4. C'è stata un epoca di grandi uomini che hanno saputo realizzare un arte creativa e l'hanno fatto col cuore..

    RispondiElimina
  5. Assolutamente imperdibile!!che meraviglia la nostra Italia!!altrochè! Buona giornata e grazie per queste immagini!

    RispondiElimina
  6. Grazie Yrma....sono d'accordo con te...buona serata

    RispondiElimina
  7. Meraviglioso! Bellissime imagini! Ho potuto vederlo solo dall'esterno, e spero di tornare a Modica per visitarlo all'interno.

    RispondiElimina
  8. Ciao Anna, è senz'altro un luogo che vale la pena visitare, a me Modica piace moltissimo...

    RispondiElimina
  9. luoghi bellissimi la nostra isola è unica ciao

    RispondiElimina
  10. @Elena - E' vero, vengono da ogni angolo del mondo per visitarla, ciao Elena...

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

FLORA E FAUNA MARINA del MEDITERRANEO

LINGUINE CON TOTANI e pomodorini Pachino

RICCIOLA ALL'ACQUA PAZZA

SAN VITO LO CAPO Beach

PASTA CON LE PATELLE