FOCACCIA MEDITERRANEA .....fantasia Siciliana


Anche in questo caso, di focacce l'Italia è piena, giusto appunto "Focaccia Mediterranea".  Mi piace quella Genovese, quella Romana e quella Pugliese, insomma le nostre focacce sono tutte buone non c'è niente da fare, ce le invidiano in tutto il mondo. Se mi permettete vi parlo della mia focaccia dalla fantasia Siciliana.
Le focacce si possono condire e farcire in tutti i modi possibili, possiamo farle ripiene oppure semplicemente spolverizzate di sale grosso e rosmarino, in questo caso ne presento due diverse, una con le patate a fette e rosmarino e l'altra ripiena con melanzane fritte e besciamella, può essere un idea originale nelle giornate estive passate in spiaggia e anche come un pranzo non troppo impegnativo. Come nella volta precedente vedrete l'acqua usata come elemento di cottura, la sua applicazione in questo caso è miracolosa, dona sofficezza e data la lunga esposizione  al calore per i suoi tempi di cottura evita che si crei una crosta troppo dura, per il resto l'acqua evaporando non lascia alcuna traccia. Vediamo adesso la ricetta.

Ingredienti per 2 teglie da forno circa 6/8 persone:

tempo occorrente: 3 ore
difficoltà :     **   media
occorrente: carta da forno - mattarello

1 kg. di farina "0" per pane e focacce
450 g. di acqua
 40 g. di strutto (oppure olio di oliva)
35 g di lievito di birra
20 g. di sale -
zucchero

Procedimento:

(Se impastate con la planetaria mettete la farina e il lievito in poca acqua per ultimo)
Impastare la farina con lo strutto, due cucchiaini di sale e due cucchiaini di zucchero, (meglio se con una planetaria) ma va bene anche a mano (risulterà solo un po più faticoso), quando avrete amalgamato questi ingredienti, inserite piano piano il lievito che avrete sciolto in un bicchiere di acqua tiepida, aggiungete acqua tiepida  (in totale circa 450 g. di acqua) fino a raggiungere una consistenza dell'impasto morbida e liscia, mettete questo impasto in una zuppiera capiente in un luogo riparato a lievitare per 45 minuti, (io lo metto dentro il forno spento). Trascorso questo tempo il nostro impasto si è raddoppiato di volume, mettiamoci sul tavolo con della farina sparsa, dividiamo l'impasto in due parti una per ogni teglia che andremo ad usare, nella prima teglia faremo una focaccia condita con le patate lesse, ma potremo mettere qualsiasi cosa per esempio dei peperoni arrostiti, delle fette di cipolla lessata, o più semplicemente degli aghi di rosmarino e un po di sale grosso . Quindi con il mattarello stendiamo la pasta dandogli una forma più simile alla nostra teglia, sarebbe meglio che le dimensioni della pasta spianata fossero più grandi della teglia stessa perchè poi tenderà a restringersi, adesso mettiamo della carta da forno sulla teglia e adagiamo la pasta spianata aggiustandola ai bordi, versiamoci sulla mano in posizione concava dell'olio d'oliva e bagniamo tutto l'impasto lisciando con la mano, nel frattempo pigiamo le punta delle dita pressando verso il fondo della teglia, adesso mettiamo le fette di patate lesse in ordine sparso  e schiacciandole un po nell'impasto, spolverizziamo del rosmarino e del sale grosso, quindi copritelo con un panno e lasciate lievitare per altri 45 minuti. Prendiamo l'altra palla di impasto e andremo a realizzare delle focacce ripiene con melanzane fritte e besciamella, ma potremo anche metterci prosciutto e mozzarella, oppure provate con caciocavallo grattugiato e pepe, dividiamo l'impasto in 6 pezzi quasi uguali, facciamo una pallina e spianiamola con il mattarello dalla grandezza di circa 1 piatto, mettiamo al centro 2 fette di melanzane precedentemente fritte e sgocciolate e sopra mettiamo 2 cucchiaiate di besciamella, prendete i lembi delle due estremità e fatele aderire come una cucitura chiudendo tutto bene, quindi adagiamola sulla teglia (sempre con della carta da forno) facendo in modo che la parte della cucitura rimane sotto, continuiamo a fare tutte e 6 le focacce ripiene distanziandole l'una dall'altra, anche in questo caso versiamoci dell'olio d'oliva sulla mano e bagniamo le focacce, spolverizziamole di sale grosso, coprite con un panno e lasciate lievitare per 45 minuti. Trascorso questo secondo tempo di lievitazione prendete la teglia della focaccia con le patate e allagatela con un bicchiere pieno d'acqua, (a questo punto vi verrà spontaneo pensare: adesso posso buttare via tutto)  mettete in forno già caldo a 200° i primi 10 minuti e abbassate a 180° per i successivi 15 minuti, in totale basteranno circa 25 minuti (questo dipenderà anche dal tipo di forno, io faccio riferimento ad un forno ventilato. Ripetete la stessa operazione con la teglia delle focacce ripiene, lasciate raffreddare  servite tiepide le focacce e...................buon appetito.


Cliccate sulle miniature per ingrandirle.






Commenti

  1. Mai sai che non avevo mai provato con l'acqua? Visto che dai la tua garanzia ci provero!!! Grazie!

    RispondiElimina
  2. Fidati il risultato è eccezionale... Ciao...

    RispondiElimina
  3. Bellissima ricetta davvero!!!!Buon w.e Franco!pacits

    RispondiElimina
  4. Ciao eccomi qui, grazie per la vistae i complimenti, mi sono unita al tuo bellissimo blog e questa focaccia è strepitosa da fare sicuramente!!!
    Adoro la Sicilia, la sua gente e il suo cibo, abbiamo dei carissimi amici che abitano a Messina e quando possiamo veniamo a trovarli, e spesso ci veniamo per le ferie, abbiamo visitato parecchie isole e le abbiamo adorate tutte!!!
    Buon fine settimana. A presto
    P.S. che ne diresti, se ti va, di togliere le paroline, non servono a molto, molte di noi le hanno tolte, e per quelli un po' cecati come me sono fastidiose.

    RispondiElimina
  5. Grazie Yrma, carina come sempre...buon fine settimana anche a te...

    RispondiElimina
  6. Ciao Carla benvenuta, e grazie per gli apprezzamenti , ho solo una curiosità ma di che paroline parli? Sai che sinceramente non ho capito? Ti prego aggiornami...a presto

    RispondiElimina
  7. HAAAAAAAAAAAA ho capito Carla a cosa ti riferivi, (siccome io sono come quello beccato con le mani dentro la marmellata, di conseguenza sempre colpevole) a quei maledetti chapta o come cavolo si chiamano ok ci provo....(ma pensa te, e io che mi chiedevo ma che diavolo ho fatto? :)

    RispondiElimina
  8. Non se ne può più delle " paroline" da scrivere ogni qualvolta si vuole commentare un post....spero le abbia tolte.
    Anche se ho cenato...un pezzo di focaccia lo prenderei...complimenti.

    Ahi ahi ahi le paroline ci sono ancora...

    RispondiElimina
  9. Ciao Maria Bianca, ma che devo fare per levarle? ho provato .... comunque siete tutte doppiamente benvenute se non altro per la fatica di mettere un commento....

    RispondiElimina
  10. Ti ho mandato una mail, spero tu riesca a toglierle, ora vedo

    RispondiElimina
  11. evviva!!!! non ci sono più!!!
    ciao

    RispondiElimina
  12. Caro Franco, davvero sorprendente questo tipo di cottura!!! Proverò sicuramente!!
    Un caro saluto!
    e.

    RispondiElimina
  13. Benvenuta Buccia di limone, Infatti è per questo che ho scritto (a questo punto adesso butto via tutto) ovviamente per ridere, ma la ricetta è giustissima (sorprendente) ma giustissima...Ciao

    RispondiElimina
  14. ciao franco che bella focaccia grazie di essere passato da me anche tu fai delle belle ricette ciao

    RispondiElimina
  15. very good Franco...me ne dai un pezzettino???Ciao buona domenica

    RispondiElimina
  16. Ciao Elena,ogni tanto ti vengo a trovare, tu fai tante cose buone (palermitane!)....buona domenica

    RispondiElimina
  17. Ciao Emi, virtualmente a favorire, in realtà ieri sera abbiamo fatto un focaccia party....buon week end

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

FLORA E FAUNA MARINA del MEDITERRANEO

LINGUINE CON TOTANI e pomodorini Pachino

RICCIOLA ALL'ACQUA PAZZA

SAN VITO LO CAPO Beach

PASTA CON LE PATELLE