BASILICA DELLA SANTISSIMA TRINITA' DEL CANCELLIERE


La Basilica della Santissima Trinità del Cancelliere più conosciuta come La Magione si trova a Palermo nel quartiere della Kalsa nei pressi dell'omonima piazza. E' una delle chiese più antiche della città e l'ultima della dinastia Normanna degli Altavilla, fondata nel 1191 e dedicata alla Santissima Trinità da  Matteo D'Aiello cancelliere del regno Normanno, da qui detta "Del Cancelliere" e successivamente concessa all'ordine dei cavalieri Teutonici (ordine monastico-militare sorto all'epoca della terza crociata in Terrasanta), per questo detta La Magione, del precettore generale dell'ordine. Tancredi  (conte di Lecce, nipote di Costanza D'Altavilla, divenuto in seguito re di Sicilia perchè ultimo erede maschio degli Altavilla) vi seppellì il figlio Ruggero e lui stesso volle essere sepolto nella Basilica. La costruzione tipicamente sobria esempio di arte Arabo-Normanna con le finestre ogivali incassate e l'abside decorata con i tradizionali archi intrecciati e i tre portali a sesto acuto di diverse dimensioni. Nel corso dei secoli si è più volte intervenuti con importanti opere di restauro e talvolta con vere e proprie ricostruzioni (come nel caso dei crolli avvenuti a causa dei bombardamenti del 1943), dalle varie manomissioni si conservano ancora oggi un portale di stile barocco e addirittura un loggiato in stile neoclassico poi demolito nel restauro del 1920, molto bello invece il chiostro originario del XII secolo con uno stupendo colonnato. Internamente la chiesa si presenta nel suo classico stile gotico, con alti archi ogivali sostenuti da colonnati, mentre la copertura lignea completamente rifatta dopo i crolli avvenuti nel 1943 perdendo rovinosamente tutti gli affreschi e le opere pittoriche e decorativi tipici dell'arte Fatimita. Tra i tesori conservati nella Basilica, anche se non  contemporanei alla sua edificazione troviamo una splendida scultura marmorea riproducente il Cristo benedicente realizzato nel XVI secolo, dello stesso periodo pure un dipinto della Madonna delle Grazie e una crocifissione di autore ignoto realizzato nel quattrocento.















Le foto esposte sono  dell'Arcidiocesi di Palermo.

Commenti

  1. Palermo non é tanto lontano da dove abito, quindi un weekend lo potrei passare la, bellissimo! e foto le hai scattate tu?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no queste sono dell'arcidiocesi di Palermo, le mie foto le puoi vedere nella fotogallery, ma sei riuscita ad aggiungerti alla mia pagina de facebook? fammi sapere...

      Elimina
    2. non si riesce, ho provato da computer diversi... mi dice questo:

      Impossibile visualizzare la pagina



      HTTP 500






      Cause più probabili:
      •Il sito Web è in manutenzione.
      •Il sito Web contiene un errore di programmazione.

      Elimina
    3. non so cosa dire...prova tra qualche giorno magari

      Elimina
    4. Eccomi! Ci sono finalmente riuscita! Hai fatto qualcosa? :)
      Cmq, mi farebbe piacere se mi sostenessi anche tu sulla mia pagina del blog su facebook !

      Elimina
  2. Meravigliosa questa basilica.....io adoro visitare chiese!!!Complimenti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Yrma, questo era l'articolo della mia rubrica settimanale dell'arte per il giornale di Sicilia nwes24, per me è bella questa chiesa (la conosco da bambino) come tutte le costruzioni normanne ti fa respirare la storia....

      Elimina
  3. Belli i nostri capolavori, siamo stati invasi da tutti, ma abbiamo delle cose stupendi, oltre i nostri scorci panoramiche. Ciao boun fine settimana Angelo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' proprio questa la ragione che gran parte della Sicilia è patrimonio mondiale dell'Umanità...ciao Angelo e grazie, le tue visite mi fanno sempre molto piacere...buon w.e.

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

FLORA E FAUNA MARINA del MEDITERRANEO

LINGUINE CON TOTANI e pomodorini Pachino

La piccola Baia di S.ELIA

SARTU' di RISO

TOTANI RIPIENI GRATINATI AL FORNO - (TORARI AMMUTTUNATI)

Suggerimenti Utili