PORTOPALO DI CAPO PASSERO


Portopalo di Capo Passero è un piccolo comune della provincia di Siracusa, ed è il più a sud della Sicilia al di sotto del parallelo di Tunisi.  Nato come borgo marinaro sviluppatosi attorno ad una delle tonnare più antiche e prestigiose dell'isola, l'economia locale trova le sue risorse principali non solo dalla pesca ma anche dall'agricoltura che offre una vasta gamma di prodotti di alta qualità e che dagli anni novanta unitamente ai comuni limitrofi  hanno ottenuto il marchio IGP, come nel caso del pomodoro pachino. Molto spesso le due attività sono spesso congiunte, di giorno ci si dedica all'agricoltura lavorando nei campi e la sera si va a pesca al cianciolo. 

Nel territorio di Portopalo fanno parte anche l'isola di Capo Passero, situata a poche decine di metri dalla terraferma , considerata come perla naturalistica, tanto da essere inclusa dalla società botanica Italiana  nei biotipi di rilevante interesse botanico della Sicilia. Nella sua parte occidentale, quella più vicina alla costa, l'azione combinata delle maree e dei venti ha formato una bellissima spiaggia, frequentata ogni anno da tantissimi turisti. In questa zona la vegetazione è quella tipica dei litorali sabbiosi: l'Euforbia pepilis, il giglio di mare (o Pancrazio) e la rughetta marina. E l'isola delle Correnti   una piccola isola rocciosa dalla forma rotondeggiante, estesa per circa 10.000 mq con l'altezza massima sul livello del mare di mt. 4, e collegata alla terraferma da una sottile striscia di roccia, un caratteristico braccio artificiale più volte distrutto dalle onde impetuose (attualmente il piccolo collegamento ha uno squarcio di 15 metri ed è profondo nei momenti d'alta marea un metro circa). E' il luogo ideale per tutti gli amanti del surf d'onda e del windsurf. Lo splendido mare e le immense e bellissime spiagge della zona richiamano ogni anno grandi quantità di turisti.
Sull' Isola sorgono alcune casette abbandonate, mentre il nucleo abitativo centrale (dove decenni fa alloggiava il farista con la famiglia), di forma rettangolare con sul davanti un ampio spiazzale, in fase di decadimento (ormai da anni in disuso). L'Isolotto è perennemente battuto dalle onde del mare, quasi sempre in tumulto. Sul posto cresce poca flora, ma vi abbondano piantine di porro selvatico, capperi ed altri arbusti tipici della macchia mediterranea. Da qualche anno inoltre l'isola e una striscia di terraferma sono state utilizzate dalla facoltà di scienze, sezione biologia dell'Università di Catania, per esperimenti su alcune specie di insetti che qui si riproducono.

Nel Novembre 1987 poi l'isolotto stesso, insieme ad una larga fascia di terraferma per una estensione di ha 63,625 è stata inclusa nel piano regolatore dei parchi e riserve naturali, per la presenza di vegetazione costiera con biocenosi alofile e psammofile relitte, tipiche della costa meridionale della Sicilia. Albergano pure ricci, conigli selvatici, oltre a varie specie di gabbiani come gli albatros. Da qui passano nel periodo del flusso migratorio degli uccelli acquatici dal Nord Africa alle coste siciliane. La temperatura è piuttosto elevata nel periodo estivo (a volte anche oltre i 37° all'ombra), mentre tende a scendere nei periodi invernali, ma raramente o quasi mai sotto i 5°.Portopalo di Capo Passero è meta ogni anno, soprattutto nel periodo estivo, di migliaia di visitatori, sia italiani che stranieri, attratti soprattutto dalle bellezze naturali del posto, un posto unico per la sua particolare posizione geografica. Portopalo è l'estrema punta a sud est della provincia di Siracusa, talmente a sud da trovarsi addirittura al di sotto del parallelo di Tunisi, città africana che rispetto a Portopalo si trova a Nord.
Il clima è quello tipico della costa mediterranea, con estati torride, molto precoci e lunghe (spesso la bella stagione si protrae fino a Novembre), e con inverni miti, mai troppo freddi. Ciò favorisce una vegetazione particolare che unita alla morfologia variegata della costa (lunghe spiagge con dune sabbiose a litorali rocciosi) richiama alla mente paesaggi esotici. Ma oltre alle particolari bellezze naturali, Portopalo offre anche la possibilità di ammirare e visitare Luoghi e Monumenti di particolare importanza dal punto di vista storico e archeologico, come il Castello Fortezza di Carlo V sull' Isola di Capo Passero, o l'Antica Tonnara, o ancora le testimonianze archeologiche di Scalo Mandrie. Natura e Cultura Vi aspettano a Portopalo di Capo Passero, Terra Nobile di Sicilia...
La costa di Portopalo di Capo Passero presenta una morfologia particolare, alternando lunghi litorali sabbiosi a scogliere mozzafiato, ora a strapiombo sul mare, ora che degradanti dolcemente verso l'acqua. La zona di Scalo Mandrie Vi offre la possibilità di scegliere fra le due alternative: spiaggia o scogli. Lo stesso potrete fare all'Isola di Capo Passero, che proprio di fronte a Scalo Mandrie offre la sua splendida spiaggia di sabbia fine, mentre dalla parte opposta, presenta una scogliera da incanto, con grotte e anfratti che grazie al gioco di luci dei riflessi del mare sulle loro pareti, ti rapiscono in una magica atmosfera senza spazio e senza tempo.
Proseguendo verso ovest, dopo aver passato le spiagge di Pantanello (proprio di fronte al Porto Peschereccio), Pozzo FerreraPunta NiproPilieriCala Sigaretta e Vallonìa, si arriva al litorale sabbioso che, per la presenza di dune e vegetazione prettamente mediterranea, richiama alla mente quei paesaggi tipici della costa africana. Siamo arrivati alla spiaggia di fronte all'Isola delle Correnti (a circa 6 km dal paese), luogo ideale per tutti coloro che amano praticare il surf. Un piccolo tratto di scogli separa questa zona da un'altra bellissima meta per bagnanti: la lunghissima spiaggia di Carratois Punto Rio, litorale dal quale si può assistere a spettacolari e indimenticabili tramonti. Di forte impatto turistico è anche la festa del Patrono "San Gaetano" festeggiata il 7 agosto, a questa seguono manifestazioni folcloristiche che si svolgono durante tutto il mese di agosto la più famosa di tutte "il Palio del Mare" si tratta di una regata in onore di San Gaetano, è la manifestazione che forse più delle altre intreccia la propria storia con quella del paese stesso, affondando le sue radici già negli anni '50 del secolo scorso. Nonostante la sua veneranda età, il Palio del Mare viene ogni anno seguita con grande interesse e passione da giovani e meno giovani. Lo stupendo scenario naturale di Scalo Mandrie nel quale si svolge la gara contribuisce sicuramente ad accrescerne il fascino.                                                                              

(fonte di informazioni:
                                Comune di Portopalo.

Commenti

  1. Ciao Franco blog quasi uguali, piacere, adoro la sicilia infatti gli ultimi due anni sono stato a San Vito lo Capo, quest'anno volevo visitare la zona manco a farla apposta hai pubblicato negli ultimi tre post le mete della prossima estate.
    Portopalo dove ho un carissimo amico e Marzamemi.
    A presto

    RispondiElimina
  2. Si in effetti quando ho visto il nome del tuo blog mi sono incuriosito, devo dire che quella pasta alla carbonara che hai proposto la devo provare a tutti i costi, gli ingredienti mi sembrano azzeccatissimi. La zona in cui andrai la prossima estate ti farà innamorare definitivamente della Sicilia, avrai tanti itinerari del barocco, la riserva naturale di vendicari, e un mare cristallino...
    poi a te che piace la cucina in quella zona ci sono tanti ristoranti a base di pesce (pescato del giorno ovviamente)..ciao

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

FLORA E FAUNA MARINA del MEDITERRANEO

TOTANI RIPIENI GRATINATI AL FORNO - (TORARI AMMUTTUNATI)

LINGUINE CON TOTANI e pomodorini Pachino

PASTA CON LE PATELLE

LACERTO DI VITELLO AL VINO BIANCO D'ALCAMO D.O.C.

Suggerimenti Utili